Capodanno 2014; dallo Zelig al Gran Teatro Geox passando per Musica da bere…un anno vissuto orgogliosamente

Alla faccia di quei post precotti del libro delle facce che in questi giorni riempiono le nostre bacheche di Facebook con la didascalia: è stato un anno meraviglioso…

Messa così la questione diviene improponibile e non soltanto perché presentata in modalità stereotipata. Tuttavia è naturale ad ogni fine anno fare un bilancio di quanto vissuto.

20140912_200405

Dunque quest’anno Giubbonsky s’è tolto delle belle soddisfazioni; vediamo un po’ andando a memoria.

Nel mese di Marzo ho avuto il grande onore di rappresentare la nuova canzone d’autore milanese sul prestigioso palco dello Zelig di Milano. A selezionarmi i responsabili dell’evento Ci vuole orecchio che ha proposto una serie di pezzi da 90 della canzone d’autore: da Roberto Vecchioni a Fabio Concato, da Vittorio De Scalzi a Francesco Baccini, da Luca Carboni Frankie Hi-Nrg, affiancati a gente come Zibba, Mauro Ermanno Giovanardi, Folco Orselli

Una bella soddisfazione essere scelto insieme ad un simile parterre do rois…

Qualche mese dopo sono stato ammesso alle finali nazionali di Musica da bere, un concorso davvero ambito e prezioso che mi ha visto esibire insieme alla band nel Teatro di Vobarno davanti ad una giuria di assoluto prestigio: Enrico De Angelis, Giordano Sangiorgi, Massimo Pirotta, Marco Iacampo, tanto per fare qualche nome. Per non dire del piacere di aver conosciuto personalmente l’esilarante Paolo Hendel.

Altra serata gloriosa quella a Casale Monferrato, sul palco del Salone Tartara per Nessun Dorma 2.0 un evento benefit a favore di Afeva che combatte la sua battaglia durissima per le vittime dell’amianto e dell’EternitHo avuto l’immenso piacere di dividere il palco con un grande esponente del Blues nostrano il talentuoso Paolo Bonfanti.

Nel frattempo ero stato ammesso alla finale regionale di Wanted Primo Maggio e qualche giorno dopo sono arrivato alle semifinali nazionali del contest che permetteva l’accesso al mitico Pistoia Blues.

Poi sono arrivati gli inviti a due interessantissimi Festival Estivi: il Castle Rock di Finale Ligure e il Lanterne Rock di Vische, nel canavese.

E ancora a settembre ho avuto il piacere di salire sull’emozionante palco del Gran Teatro Geox di Padova.

Insomma un anno promettente, ricco di luci con un unica ombra: quella di non poter contare sull’apprezzamento di una certa cultura alternativa milanese alla quale devo averne combinata qualcuna vista la regolarità con la quale continua a respingermi.

Vabbè, poco male, io continuo per la mia strada cercando di migliorarmi, di dare il meglio e soprattutto di essere fedele a quella riga nella quale il mio ufficio stampa mi definisce come: atipico esploratore musicale in costante evoluzione.

Così il mio nuovo singolo/videoclip Marpionne sta salendo le classifiche e vedremo dove arriverà: intanto ha superato le 6000 visualizzazioni su Youtube e insomma, a poco più di un mese dall’uscita, nel mio piccolo non mi posso lamentare…

Dunque auguri di cuore, state bene e godetevi la vita più che potete: vi abbraccio!!

Advertisements

About Giubbonsky

Cantastorie dei nostri giorni
This entry was posted in News and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s